Pagina iniziale miOriento

Interessi e caratteristiche personali - Passo 1: Prendo conoscenza dei miei interessi e delle mie caratteristiche personali

Professioni e formazioni - Passo 2: Esploro le diverse professioni e formazioni

Caratteristiche personali e abilità - Passo 3: Confronto i miei interessi e le mie caratteristiche personali con le abilità richieste dalle professioni e formazioni

Stage d'orientamento - Passo 4: Svolgo degli stage d'orientamento per scoprire qual è la professione più adatta a me

Esaminare e prendere una decisione - Passo 5: Esamino i mestieri e le formazioni per elaborare il mio progetto formativo

Tirocinio in azienda o scuola a tempo pieno - Passo 6: Metto in pratica la mia decisione: cerco un posto di tirocinio o mi iscrivo ad una scuola

Prepararsi per la nuova formazione - Passo 7: Mi preparo alla nuova formazione o valuto se optare per una soluzione transitoria

Cartella di lavoro - I tuoi risultati

Per favore attendere...

miOriento sta caricando.

Disconnesso

La sua sessione di lavoro è finita. Verrà reindirizzato sulla pagina iniziale. Si connetta nuovamente per continuare la sessione.

Storia antica e archeologia: sbocchi professionali

La maggior parte dei laureati in archeologia e in storia antica trova lavoro nella tutela dei monumenti storici, nella protezione delle bellezze naturali, nei servizi archeologici o presso musei.

Campi d’attività

Circa un quinto dei laureati e delle laureate in queste matiere rimane per un certo periodo all'università; in altri campi d'attività, la loro presenza è più rara.

Non "solo" studio

Gli studi in storia antica e archeologia tendono a portare ad un impiego presso servizi archeologici, musei o nell'ambito della protezione dei beni culturali. I posti fissi, tuttavia, sono rari. Più intensi sono i contatti con i futuri settori lavorativi durante gli studi - ad esempio in occasione del lavoro di diploma o della tesi di dottorato, come pure nel corso di attività accessorie o di volontariato presso istituzioni culturali - e maggiori saranno in seguito le possibilità di lavoro. L'entrata nella vita attiva avviene di regola tramite stage o posti a tempo parziale.

Carriera scientifica

Un buon dieci per cento dei laureati prosegue la carriera teorico-scientifica. Gli assistenti universitari hanno l'opportunità di approfondire un particolare argomento e scriverne una tesi di dottorato, rispondendo a quesiti di vario genere: come si è trasformata l'immagine della dea greca Artemide in quella di Diana per i romani? Quali indicazioni danno determinati reperti archeologici sullo sviluppo dell'agricoltura in Mesopotamia? Com'era la società alla fine del Neolitico (4000 a.C.) nella parte sud occidentale dell'attuale Iran? Assistenti, collaboratori scientifici e docenti analizzano, interpretano e documentano i tesori del passato, pianificano gli scavi e vi partecipano, catalogano i reperti trovati e li comparano con quelli di altre epoche e altri luoghi. Accanto a questo lavoro di ricerca, gli assistenti sono pure responsabili degli studenti, rispondono alle loro domande, organizzano seminari e simposi, tengono tutorati e correggono lavori di semestre.

Cura dei monumenti e protezione delle bellezze naturali

Nell'ambito della tutela dei monumenti e della protezione delle bellezze naturali i beni culturali vengono catalogati, valutati e documentati. I laureati in storia antica e archeologia eseguono perizie specialistiche e consigliano proprietari di monumenti, architetti e restauratori. Esprimono inoltre un loro giudizio su richieste di sussidio e conducono trattative finalizzate alla tutela del patrimonio culturale e ambientale, rispondono a domande scientifiche e pubblicano materiale informativo.

Servizi di archeologia

I servizi cantonali di archeologia studiano e tutelano i beni culturali risalenti alle antiche civiltà locali e regionali. Gli archeologi partecipano agli scavi e al lavoro da effettuare sui reperti; sondano inoltre il terreno per capire dove si dovrebbero intraprendere eventuali nuove ricerche. Essi si occupano dell'organizzazione e dell'esecuzione dei lavori di scavo, registrandone con fotografie e disegni le varie fasi. In seguito, è soprattutto in laboratorio e in ufficio che i reperti trovati vengono documentati e preparati per essere conservati, studiati ed esposti al pubblico.

Archivi, biblioteche, musei

Un'attività scientifica può essere svolta anche presso archivi, biblioteche e musei. Gli oggetti devono essere curati, attualizzati, digitalizzati e resi accessibili al pubblico. Spesso si devono pure consigliare i visitatori, sostenere progetti di ricerca oppure organizzare visite guidate. I laureati in storia antica e archeologia elaborano inoltre progetti espositivi, preparano opuscoli e documentazione per i media, organizzano conferenze stampa e manifestazioni pubbliche. A seconda del campo tematico, possono anche specializzarsi nella conservazione o nel restauro di reperti. Per un posto fisso quale bibliotecario scientifico, mediatore culturale di museo o conservatore-restauratore occorre di solito una formazione supplementare.

Molti restano nel loro campo d'origine

Come tutti gli studi, anche quelli in storia antica e in archeologia generano capacità e abilità di carattere generale. Tuttavia, a differenza dei laureati nelle altre scienze umane e sociali, gli archeologi e i diplomati in storia antica, nel loro indirizzo professionale, rimangono spesso più fedeli alla loro scelta iniziale. Si trovano quindi più raramente in campi lontani dalla loro disciplina, come ad esempio nel settore privato dei servizi (banche, assicurazioni, aziende di elaborazione elettronica dei dati, ecc.), nell'amministrazione generale o nell'insegnamento.



orientamento.ch