Pagina iniziale miOriento

Interessi e caratteristiche personali - Passo 1: Prendo conoscenza dei miei interessi e delle mie caratteristiche personali

Professioni e formazioni - Passo 2: Esploro le diverse professioni e formazioni

Caratteristiche personali e abilità - Passo 3: Confronto i miei interessi e le mie caratteristiche personali con le abilità richieste dalle professioni e formazioni

Stage d'orientamento - Passo 4: Svolgo degli stage d'orientamento per scoprire qual è la professione più adatta a me

Esaminare e prendere una decisione - Passo 5: Esamino i mestieri e le formazioni per elaborare il mio progetto formativo

Tirocinio in azienda o scuola a tempo pieno - Passo 6: Metto in pratica la mia decisione: cerco un posto di tirocinio o mi iscrivo ad una scuola

Prepararsi per la nuova formazione - Passo 7: Mi preparo alla nuova formazione o valuto se optare per una soluzione transitoria

Cartella di lavoro - I tuoi risultati

Per favore attendere...

miOriento sta caricando.

Disconnesso

La sua sessione di lavoro è finita. Verrà reindirizzato sulla pagina iniziale. Si connetta nuovamente per continuare la sessione.

Lavorare in Svizzera

L'entrata in territorio svizzero dipende dallo scopo e dalla durata del soggiorno. Chiunque desideri lavorare in Svizzera ha generalmente bisogno di un permesso di soggiorno. Coloro che sono alla ricerca di un impiego e provengono della regione UE/AELS beneficiano della rete di cooperazione EURES.

Soggiorno con attività lucrativa

I cittadini stranieri che desiderano lavorare in Svizzera devono richiedere un permesso. Viene fatta una distinzione tra nazionalità e durata del soggiorno. I cittadini UE/AELS che intendono lavorare in Svizzera per meno di tre mesi non necessitano di un permesso.

I cittadini stranieri che entrano in Svizzera con lo scopo di abitarvici e lavorare devono annunciarsi al controllo abitanti del loro comune di domicilio il prima possibile.

Autorizzazione di soggiorno

UE/AELS

I cittadini di questi stati che intendono lavorare in Svizzera per più di tre mesi devono richiedere un'autorizzazione di soggiorno. Devono essere presentati i seguenti documenti:

  • Carta d'identità o passaporto validi
  • Dichiarazione scritta di assunzione da parte del datore di lavoro (ad esempio il contratto di lavoro, inclusivo di durata e grado di occupazione)

A seconda della durata del rapporto di lavoro, viene rilasciata un'autorizzazione di soggiorno per dimoranti temporanei (permesso L: contratto di lavoro fino a un massimo di 364 giorni) o un'autorizzazione di soggiorno B (contratto di lavoro di almeno un anno o a tempo indeterminato).

Per i cittadini provenienti da Bulgaria, Croazia e Romania si applicano disposizioni speciali. Ulteriori informazioni si trovano su www.sem.admin.ch.

Non UE/AELS

I cittadini di questi Stati devono far richiesta in ogni caso di un'autorizzazione di soggiorno. Di norma, sono solo ammessi lavoratori qualificati. Inoltre, il datore di lavoro deve dimostrare che non è possibile assumere lavoratori idonei provenienti dall'area nazionale o dagli Stati UE/AELS.
Il consiglio federale rilascia ogni anno un numero massimo di permessi di lavoro. Per ulteriori informazioni consultare la Segreteria di Stato della migrazione SEM sem.admin.ch.

Caso particolare: tirocinio

La Svizzera ha concluso degli accordi per i giovani professionisti (tirocinanti) con diversi Stati. Ciò consente ai giovani professionisti che desiderano estendere le loro conoscenze linguistiche e professionali in Svizzera, di ottenere un permesso di lavoro per un massimo di 18 mesi. Possono essere ammessi i cittadini che hanno una qualifica professionale o una laurea. Esistono accordi per i tirocinanti con Argentina, Australia, Cile, Giappone, Canada, Monaco, Nuova Zelanda, Filippine, Russia, Sud Africa, Tunisia, Ucraina e Stati Uniti. Ulteriori informazioni: Segreteria di Stato per la migrazione sem.admin.ch.

RETE EURES

Il portale europeo della mobilità professionale EURES (EURopean Employment Services) ha lo scopo di facilitare la mobilità dei lavoratori nell'UE o nell'AELS, mettendo loro a disposizione più di 900 consulenti che informano, orientano e sostengono le persone in cerca di un impiego che desiderano lavorare in uno stato membro dell'UE o dell'Associazione europea di libero scambio (AELS).

EURES è stata creata nel 1993 dalla Commissione europea, e la Svizzera vi fa parte dal 2002 come parte dell'accordo sulla libera circolazione delle persone.

Per avere più informazioni sulla mobilità in Europa, consultare le offerte d'impiego e scoprire le possibilità di formazione, si vedano ec.europa.eu e, più specificatamente per la Svizzera, eures.ch.

Frontalieri

Sono numerose le persone che lavorano in Svizzera pur abitando in una nazione vicina e che necessitano quindi informazioni sul diritto del lavoro, sulla previdenza professionale, sulle assicurazioni e sulla disoccupazione. I siti cantonali www.ti.ch. e www.gr.ch rispondono alle domande più frequenti e offrono informazioni utili ai frontalieri. Ulteriori informazioni possono essere fornite da datori di lavoro, dai sindacati e dalle associazioni professionali.
Si veda anche il sito ch.ch.



Informazioni

Informazioni dei cantoni

I seguenti cantoni italofoni propongono contenuti complementari.

Selezionare un cantone

Stemma cantone Grigioni

Grigioni

Il servizio specializzato per l'integrazione dei Grigioni è l'ufficio di riferimento cantonale per domande sull'integrazione nel settore della migrazione. Esso guida e coordina l'integrazione a livello cantonale e comunale.

orientamento.ch