?global_aria_skip_link_title?

Ritratto esercito, protezione civile: sottufficiale di professione

Una sottufficiale di professione dell'Esercito svizzero descrive il suo lavoro e i suoi compiti.

Compiti che combinano contatto umano e tecnologia

Chantal Sempach
© SDBB I CSFO, photo Dominique Meienberg

Chantal Sempach, sottufficiale di professione delle forze terrestri dell'Esercito svizzero

Chantal Sempach

© SDBB I CSFO, photo Dominique Meienberg

Breve biografia

Età/annoAttività/formazione
18 anniAFC di creatrice d’abbigliamento
21 anniScuola reclute. Soggiorno linguistico
22 anniScuola per sottufficiali. Scuola per sergente maggiore
23 anniMilitare a contratto temporaneo
26 anniScuola per sottufficiali di professione dell'esercito
28 anniSottufficiale di professione: Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport DDPS, Thun BE

Perché ha scelto questa professione?

Sono cresciuta in una famiglia di militari. Mio padre era un militare professionista e anche mio fratello. Dopo l'apprendistato come creatrice d’abbigliamento, volevo fare qualcosa di diverso. Un lavoro più fisico. Mi è piaciuta la scuola reclute, così ho deciso di seguire questa strada. Sono stati i compiti variegati, che combinavano contatto umano e tecnologia, ad attrarmi particolarmente.

«Sono stati i compiti variegati, che combinavano contatto umano e tecnologia, ad attrarmi particolarmente.»

Quali sono le sue attività principali?

Sono responsabile dell'addestramento fisico delle truppe di carristi presso la Scuola per sottufficiali di professione. Sono anche una tecnica esperta di armi, attrezzature e sistemi, come apparecchiature radio e veicoli. Come sottufficiale di professione, sono responsabile di una compagnia. Ogni giorno lavoro con diversi livelli gerarchici: reclute, capisezione e capigruppo. I miei compiti si svolgono spesso all'aperto, con qualsiasi tempo. Parte del mio lavoro prevede anche la stesura di rapporti.

Come è avvenuto il suo inserimento in questo settore?

Dopo due anni di addestramento presso la Scuola per sottufficiali di professione dell'esercito, sono stata nominata aiutante sottufficiale. La truppa di carristi a Thun mi ha accolta con grande rispetto. Per la maggior parte dei militari professionisti era la prima volta che lavoravano con una donna di quel grado. Dovevo dimostrare il mio valore, soprattutto ai granatieri carristi. Tuttavia, ho subito dimostrato loro che anche una donna poteva fare questo lavoro e avere un'influenza positiva sull'ambiente di lavoro con la sua presenza.

Per saperne di più



orientamento.ch