?global_aria_skip_link_title?

Ritratto conservazione del patrimonio culturale: musei

Una collaboratrice scientifica che lavora in un museo d'arte descrive il suo lavoro e le sue mansioni.

Trovare soluzioni per ogni mostra

Una donna consulta un'opera custodita in un museo.
© MCBA

Camille de Alencastro, collaboratrice scientifica in un museo d'arte

Una donna consulta un'opera custodita in un museo.

© MCBA

Breve biografia

Età/annoAttività/formazione
18 anniMaturità liceale. Inizio del bachelor universitario in architettura, studi interrotti: École polytechnique fédérale de Lausanne EPFL
22 anniBachelor universitario in scienze dell'informazione e della comunicazione e storia dell'arte: Università di Neuchâtel UNINE
25 anniMaster universitario in studi museali: Università di Neuchâtel UNINE. Studentessa assistente: Università di Neuchâtel UNINE. Stagista: Museo d'arte e di storia, Neuchâtel. Assistente collaboratrice: Esposizione svizzera di scultura, Bienne
26 anniStagista, preparazione di un’esposizione: Bibliothèque de Fribourg
27 anniAssistente conservatrice, poi collaboratrice scientifica, specializzata in arte antica e moderna: Musée cantonal des Beaux-Arts MCBA, Losanna

In cosa consiste il suo lavoro di collaboratrice scientifica in un museo?

Ho molti compiti diversi. Fornisco supporto al curatore in base alla mostra prevista: aiuto a trovare le opere e a organizzarne il trasporto, inoltro le richieste di prestito e ricerco immagini e testi per la mostra. Mi occupo anche della scenografia, della creazione e dell'installazione della mostra e della preparazione del catalogo. Mi occupo anche della collezione del museo, lavorando agli inventari, alle nuove acquisizioni, alla documentazione e alla ricerca.
Ogni progetto espositivo presenta nuovi problemi e ci impone di trovare soluzioni. Ad esempio:
qual è il modo migliore di esporre determinate sculture? Come possiamo proteggere disegni sensibili alla luce? Come possiamo oscurare una sala per proiettare dei video? E, soprattutto, come rendere una visita vivace, interessante e piacevole per il pubblico? Quando le opere vengono installate, a volte cambiamo il modo in cui avevamo previsto di appenderle: i desideri degli artisti, ma anche condizioni tecniche come il peso delle opere, l'illuminazione e la sicurezza, influenzano il risultato finale.

«Mi occupo anche della collezione permanente del museo.»

Quali qualità bisogna avere per fare il suo lavoro?

È indispensabile avere un interesse per l'arte e il patrimonio artistico e culturale. E, più in generale, avere voglia di concepire dei progetti. Bisogna essere precisi e propensi a lavorare in gruppo. Non lavoriamo mai da soli ma sempre collaborando con altri. Il team del museo è composto da una quarantina di persone: curatori, collaboratori scientifici, registi, fotografi, falegnami, restauratori, etc. Ci sono anche addetti alla vigilanza, all'accoglienza e alle vendite, per non parlare poi dell'amministrazione, della comunicazione e della mediazione culturale, che offre servizi su misura per i diversi pubblici.

Quali sfide deve affrontare il suo settore?

La chiusura degli spazi della cultura a causa della pandemia di Covid-19 ha sollevato la domanda: "Come possiamo continuare?".  Abbiamo avviato una serie di progetti online, tra cui attività creative. Detto questo, il museo rimane l'unico luogo in cui è possibile incontrare "fisicamente" le opere.
Anche l'impronta ecologica è una sfida: costruiamo elementi specifici per ogni mostra, come cornici, piedistalli e così via e cerchiamo sempre di più di riutilizzare questi elementi e di riciclare i materiali. Stiamo anche riflettendo molto sui viaggi aerei: possiamo ancora permetterci di portare certe opere da così lontano, sia in termini di clima che di budget?

Quali consigli darebbe a chi vuole entrare in questo settore?

Soprattutto, di non arrendersi e tenere duro. Per quanto mi riguarda, gli stage hanno fatto chiaramente la differenza: ho potuto acquisire molte competenze, capire cosa mi piacesse e cosa no, e specializzarmi nel mio attuale settore di lavoro. Gli stage sono anche un'opportunità per creare legami con persone e istituzioni.

Per saperne di più



orientamento.ch