?global_aria_skip_link_title?

Ritratto: agronomia

Un’ingegnera agronoma SUP, consulente tecnica per alcune cooperative frutticole, presenta il suo lavoro e le sue mansioni.

Consigli che concilino guadagno e sostenibilità

Jeanne Giesser, ingegnera agronoma SUP in una grande cooperativa frutticola

Une jeune femme inspecte les fruits d'une plantation
Il monitoraggio delle colture e l'introduzione di nuove varietà di frutta sono tra i compiti dell'ingegnera agronoma della SUP. © SDBB I CSFO, foto Thierry Porchet
Une jeune femme inspecte les fruits d'une plantation

Il monitoraggio delle colture e l'introduzione di nuove varietà di frutta sono tra i compiti dell'ingegnera agronoma della SUP. © SDBB I CSFO, foto Thierry Porchet

Biografia essenziale

Anni/etàAttività/formazione
19 anniCFC d’horticultrice et diplôme cantonal en horticulture et agriculture dans les secteurs arboriculture fruitière, arboriculture ornementale, culture maraîchère, floriculture, parcs et jardins. Maturité professionnelle: École d’horticulture de Lullier, Jussy GE
22 anniLaurea SUP in agronomia: hepia, Ginevra e Jussy GE
23 anniStage di 6 mesi: Servizio fitosanitario del Canton Vaud, Morges VD VD
24 annifrutticoltrice e vivaista
25 anniConsulente tecnica: Léman Fruits, Perroy VD. Mandato di ricerca: stazione di ricerca di Changins e arboricoltrice
27 anniResponsabile della coltivazione in un'azienda arboricola: Étoy VD. Consulente tecnica: Léman Fruits
30 anniConsulente tecnica: Léman Fruits. Responsabile del gruppo di innovazione per la Svizzera francese: Fenaco, settore fitosanitario, La Côte VD

Qual è stato il filo conduttore della tua carriera?

Sono sempre stata attratta dal lavoro all'aria aperta, dall'orticoltura e dall'agricoltura. Durante la mia formazione AFC, ho scoperto la passione per la frutticoltura. Da allora non mi ha mai abbandonata. Ho proseguito gli studi di agronomia alla scuola universitaria professionale con il desiderio di ampliare le mie conoscenze. Dopo aver ottenuto il bachelor, ho ricoperto diverse posizioni nella produzione di frutta, nella consulenza tecnica e nella ricerca.

«L'aspetto decisionale richiede di valutare gli interessi del produttore, tanto in termini ecologici quanto economici.»

Quali sono le sue mansioni?

Il gruppo di frutticoltori e frutticoltrici per cui lavoro immagazzina, confeziona e commercializza frutta. Consiglio i coltivatori su che cosa fare con il raccolto o su quali varietà piantare. Durante la raccolta, eseguo analisi sui frutti per determinare il momento ideale per la raccolta. Collaboro anche con i servizi fitosanitari cantonali, in particolare per il monitoraggio delle malattie, nonché con le stazioni di ricerca e altre cooperative. Tra le mie mansioni c'è anche quella di tenere d'occhio i nuovi sviluppi. Diffondo queste informazioni e le trasmetto attraverso vari canali. Il periodo da febbraio a ottobre è di solito molto impegnativo per me; l'inverno invece è più tranquillo.

Che qualità servono per fare il tuo lavoro?

Serve soprattutto un'eccellente capacità di osservazione e di sintesi. L'aspetto decisionale richiede di valutare gli interessi del produttore, tanto in termini ecologici quanto economici. La mia attività richiede anche la capacità di adattarsi agli eventi - il tempo, la presenza di parassiti, eccetera - perché tutto può cambiare molto in fretta. È inoltre necessario mettere sempre in discussione quello che si conosce, alla costante ricerca di una soluzione migliore. E questo richiede molta energia.

Per saperne di più



orientamento.ch