Pagina iniziale miOriento

Interessi e caratteristiche personali - Passo 1: Prendo conoscenza dei miei interessi e delle mie caratteristiche personali

Professioni e formazioni - Passo 2: Esploro le diverse professioni e formazioni

Caratteristiche personali e abilità - Passo 3: Confronto i miei interessi e le mie caratteristiche personali con le abilità richieste dalle professioni e formazioni

Stage d'orientamento - Passo 4: Svolgo degli stage d'orientamento per scoprire qual è la professione più adatta a me

Esaminare e prendere una decisione - Passo 5: Esamino i mestieri e le formazioni per elaborare il mio progetto formativo

Tirocinio in azienda o scuola a tempo pieno - Passo 6: Metto in pratica la mia decisione: cerco un posto di tirocinio o mi iscrivo ad una scuola

Prepararsi per la nuova formazione - Passo 7: Mi preparo alla nuova formazione o valuto se optare per una soluzione transitoria

Cartella di lavoro - I tuoi risultati

Per favore attendere...

miOriento sta caricando.

Disconnesso

La sua sessione di lavoro è finita. Verrà reindirizzato sulla pagina iniziale. Si connetta nuovamente per continuare la sessione.

Filologia antica (latino, greco): sbocchi professionali

Sebbene i laureati in filologia possano anche fare ricerca, lo sbocco più frequente è l'insegnamento del latino e del greco.

Campi d'attività

Coloro che studiano il latino o il greco si trovano nella stessa situazione degli altri studenti di scienze umane: essi hanno acquisito una formazione generica, hanno appreso a lavorare in maniera analitica, sanno redigere un lavoro scientifico ed elaborare testi. Oltre all'insegnamento non esistono sbocchi definiti per i laureati in filologia.

Insegnamento

Lo sbocco più frequente, per questi laureati, è l'insegnamento del latino e del greco. Tuttavia, queste materie non sono molto studiate a scuola, e il numero d'ore d'insegnamento è quindi ridotto. Inoltre, gli allievi interessati al greco e al latino non sono molti, cosa che diminuisce ulteriormente il bisogno di insegnanti. I laureati in filologia antica che hanno seguito anche un altro indirizzo di studi ripiegano spesso sull'insegnamento di quest'altra materia.

Ricerca

I filologi antichi che non insegnano latino e greco lavorano principalmente nell'ambito della ricerca e dell'insegnamento accademico.

Altri sbocchi

Dopo gli studi, una piccola parte dei laureati in quest'area segue una formazione professionale specifica fuori dall'università. Essi lavorano in ambiti più o meno lontani dai loro studi: archivi, biblioteche, centri di documentazione, traduzione, interpretariato, diplomazia. Naturalmente sono possibili anche altre funzioni.
Queste ulteriori qualifiche sono acquisite in diversi modi: corsi specifici, formazione autodidatta, formazione continua, soggiorno all'estero, formazione parallela all'attività lavorativa. I laureati in filologia antica possono così lavorare nelle banche, nelle assicurazioni, nei media o nell'amministrazione cantonale come responsabili della comunicazione, formatori in azienda, addetti stampa, ecc.

Scelta della seconda materia

È essenziale che gli studenti di filologia antica combinino i loro studi di latino e greco con una seconda materia che possa facilitare l'entrata nella vita professionale. Spesso questa seconda materia è una lingua moderna.

Professioni, funzioni

Qui di seguito è presente una serie di collegamenti a schede informative su varie professioni alle quali si può accedere dopo gli studi in questo settore. Alcune di esse sono disponibili in italiano, altre solo in lingua tedesca o francese.



orientamento.ch