Pagina iniziale miOriento

Interessi e caratteristiche personali - Passo 1: Prendo conoscenza dei miei interessi e delle mie caratteristiche personali

Professioni e formazioni - Passo 2: Esploro le diverse professioni e formazioni

Caratteristiche personali e abilità - Passo 3: Confronto i miei interessi e le mie caratteristiche personali con le abilità richieste dalle professioni e formazioni

Stage d'orientamento - Passo 4: Svolgo degli stage d'orientamento per scoprire qual è la professione più adatta a me

Esaminare e prendere una decisione - Passo 5: Esamino i mestieri e le formazioni per elaborare il mio progetto formativo

Tirocinio in azienda o scuola a tempo pieno - Passo 6: Metto in pratica la mia decisione: cerco un posto di tirocinio o mi iscrivo ad una scuola

Prepararsi per la nuova formazione - Passo 7: Mi preparo alla nuova formazione o valuto se optare per una soluzione transitoria

Cartella di lavoro - I tuoi risultati

Per favore attendere...

miOriento sta caricando.

Disconnesso

La sua sessione di lavoro è finita. Verrà reindirizzato sulla pagina iniziale. Si connetta nuovamente per continuare la sessione.

Lavorare nell’industria chimica, farmaceutica e alimentare

Sia l’industria chimico-farmaceutica che l’industria alimentare sono molto orientate a livello internazionale.

Settori d’attività

Molti laureati in scienze tecniche e scienze naturali lavorano in questi settori. Oggigiorno vanno molto di moda i prodotti «Life Science» e «Functional Food».

L’industria chimica e farmaceutica…

L’industria chimica e farmaceutica viene suddivisa in chimica di base e chimica delle specialità. Rientrano nella chimica di base i prodotti petrolchimici, i prodotti chimici di massa o la plastica, realizzati soprattutto partendo dal petrolio e dai minerali. Nella chimica delle
specialità rientrano prodotti chimici più complessi, quali ad esempio i medicamenti o prodotti per il trattamento delle piante. La Svizzera, paese con poche risorse e un piccolo mercato proprio, punta soprattutto sulla chimica delle specialità e sviluppa nella ricerca novità che
possono essere vendute all’estero. Si tratta in generale di prodotti di qualità nell’ambito della salute, della pulizia e della cura del corpo, di profumi, coloranti, medicamenti e diagnostica, agrochimica ed elementi chimici. Oggigiorno vanno molto di moda i prodotti «Life Science», che intervengono nei processi metabolici di organismi viventi, quali ad es. farmaci o vitamine. Le industrie chimiche e farmaceutiche svizzere si distinguono per la loro struttura interna molto diversa. Ad eccezione delle grandi multinazionali basilesi della chimica, l’85% delle aziende ha meno di 100 dipendenti. Nei processi di ristrutturazione in corso da anni si parla spesso di spin-off: per motivi economici, una grande azienda rinuncia a settori specializzati di cui si occupano nuove piccole imprese in collaborazione con la grande azienda. Altri spin-off nascono da attività di ricerca nelle scuole universitarie.

... è un mercato internazionale

Il settore è molto internazionale e le sedi all’estero rappresentano la regola. Circa la metà delle ricerche a livello mondiale dell’industria chimico-farmaceutica viene effettuata in Svizzera. Si lavora spesso in team progettuali solitamente composti in modo interdisciplinare e multiculturale. Grazie alle nuove tecnologie dell’informazione e al fuso orario, i membri di un team di un’azienda possono lavorare insieme ad un progetto 24 ore su 24 da diversi continenti. Per motivi di costi, la produzione viene sempre più dislocata all’estero. I brevetti scadono e i generici sostituiscono i preparati originali con un conseguente aumento della pressione concorrenziale.

Specialisti di diversi settori

Gli ingegneri specializzati in ingegneria meccanica, chimica o ingegneria di processo sono molto richiesti nell’industria chimico-farmaceutica nella ricerca di base, nello sviluppo di processi, nella progettazione, nella direzione aziendale o nell’ingegneria di fabbrica. A seconda del settore e della problematica sono richiesti anche specialisti di altri settori dell’ingegneria (per es. scienze ambientali o scienze dei materiali) nonché scienziati dei settori della chimica, biologia, biochimica, farmacia e medicina. La biotecnologia, un’applicazione pratica della biochimica, è considerata l’industria chiave del 21° secolo insieme alla tecnologia dell’informazione.

L’industria alimentare...

L’industria alimentare è costituita dai settori della produzione di alimentari e di bevande. È fra i cinque settori industriali più importanti in Svizzera. Nestlé, una delle aziende svizzere con il più alto fatturato, è anche il maggior produttore di alimenti a livello mondiale.
L’industria alimentare è fortemente legata all’agricoltura svizzera poiché lavora industrialmente gran parte di questi prodotti. A causa dei costi salariali elevati e dei prezzi d’acquisto elevati per i prodotti agricoli nazionali, la Svizzera non può affermarsi sul mercato mondiale con prezzi bassi, bensì solo con prodotti di qualità quali cioccolata, formaggio o alimenti per bebè.
È possibile incrementare il fatturato in un mercato interno saturo solo con nuovi sviluppi o processi di concentrazione. Fra i nuovi sviluppi vi sono in prima linea i cibi funzionali. Al di là del loro contenuto nutrizionale, questi alimenti (per es. latticini, alimenti per bebè, bevande dolci, varietà di pane) svolgono anche un’azione preventiva sulla salute grazie ai microorganismi salutari (probiotici) e ad altri additivi. Questo ambito ha portato a una collaborazione più stretta dell’industria alimentare e di quella chimico-farmaceutica. Sempre
più amati sono anche gli alimenti industriali quali «fast food» e «convenience food», ovvero cibi (semi) pronti precotti che bisogna solo scaldare. Con il progresso biotecnologico, la contestata tecnologia genetica entra anche a far parte della produzione alimentare. Per questo
motivo gli alimenti di origine biologica e provenienti da allevamenti conformi alle specie sono sempre più richiesti. I processi di concentrazione nascono da rilevamenti e fusioni che portano a grandi gruppi alimentari con un’ampia gamma di prodotti. Negli ultimi anni tante
piccole aziende sono sparite.

... ha bisogno di ingegneri in scienze alimentari, ingegneri agronomi, ingegneri

L’industria alimentare è il posto di lavoro della maggior parte degli ingegneri in scienze alimentari con un diploma di politecnico o di scuola universitaria professionale. Nella trasformazione industriale del latte lavorano anche ingegneri agronomi. Gli ingegneri agronomi trovano ulteriori possibilità d’impiego nel marketing, nella vendita o nella gestione aziendale. Gli ingegneri in biotecnologie SUP e gli ingegneri chimici si trovano nei reparti di ricerca dell’industria alimentare e del controllo della qualità. Gli enologi SUP si occupano
della preparazione di bevande alcoliche quali il vino, la birra o l’acquavite. Nell’industria alimentare si trovano anche ingegneri meccanici e ingegneri elettrotecnici: essi si occupano dello sviluppo e della realizzazione di macchinari per la produzione industriale di alimenti.
Infine, si trovano anche ingegneri in gestione e produzione aziendale, che elaborano processi lavorativi ottimali e strutture in seno a un’azienda.

Professioni, funzioni

Qui di seguito è presente una serie di collegamenti a schede informative su varie professioni inerenti a questo settore. Alcune di esse sono disponibili in italiano, altre solo in lingua tedesca o francese.



orientamento.ch